Previsione S&P 500: Le Scorte Affrontano il Pericolo Come Giorno di Profilassi

Le previsioni dell’S & P 500: le scorte affrontano il pericolo mentre il giorno dei film incombenti di John C. Bogle e William Bernstein merita una visita. Sebbene Bogle e Bernstein non siano esperti finanziari, la loro premessa in questo libro è abbastanza solida.

Nonostante l’oscurità economica, le grandi aziende protette dal loro prezzo delle azioni hanno trovato il modo di rimanere redditizie. Ciò è stato possibile a causa degli effetti artificiali della leva finanziaria e della pubblicità sui potenziali profitti di un’azienda.

A causa di questi effetti, gli azionisti diventano troppo fiduciosi che le attività fluttuano su e giù che possono essere attribuite alla campagna pubblicitaria. Sfortunatamente, anche loro non si rendono conto che tali aumenti e cadute sono dovuti all’economia e non alla pubblicità.

Come sottolineano Bogle e Bernstein, questo è esattamente il motivo per cui queste grandi aziende stanno andando bene, nonostante i negativi dell’hype. Il mercato gonfiato artificialmente consente al loro prezzo delle azioni di apprezzarsi a un ritmo molto più elevato rispetto all’economia generale e hanno i mezzi per assorbire tutti gli utili che devono essere reinvestiti nel settore.

Tuttavia, c’è un lato oscuro nell’essere circondati dalla paura degli amministratori delegati aziendali, che lavorano in un’atmosfera in cui sono costantemente bombardati dalla fiducia degli investitori che bolle e spara su e giù. Naturalmente, è importante bilanciare questo con le reali preoccupazioni per le prestazioni del settore, ma correndo rapidamente verso i mercati e verso altre decisioni rischiose, questi leader potrebbero trovarsi incapaci di fare un passo indietro sull’orlo di un crollo del mercato.

In una certa misura, la paura è inevitabile in questi tempi di instabilità economica e crash del mercato. Tuttavia, a volte non è sufficiente ed è necessario un approccio calmo per decidere come gestire il rischio.

Sfortunatamente, è diventato uno strumento molto potente che può essere utilizzato in modo improprio da troppe persone, soprattutto a breve termine. A volte la paura diventa auto-soddisfacente, poiché gli investitori perdono fiducia nelle ragioni sottostanti all’anticipazione di un aumento del valore di mercato di un titolo e investono il loro denaro in una direzione completamente diversa.

A questo proposito, Bogle e Bernstein forniscono molti consigli in “La battaglia per l’anima del capitalismo”. La loro premessa è che l’avidità ha preso il controllo del pensiero dei leader delle istituzioni e delle società finanziarie.

Il libro presenta un’eccellente analisi del modo in cui l’avidità ha raggiunto tutte le aree di business e, anche con saggi investimenti, ha un impatto sul rendimento delle imprese. In effetti, Bogle e Bernstein sostengono che oggi è molto più difficile avere successo negli affari a causa degli effetti dell’avidità su come le aziende pensano.

Al fine di ottenere il massimo dalle opportunità disponibili, gli imprenditori devono sviluppare modelli di business innovativi e soluzioni che non dipendono dall’essere ricchi o famosi. È fondamentale che gli imprenditori vadano oltre la mentalità di poter fare un sacco di soldi e concentrarsi invece sulla massimizzazione del potenziale di ciascun modello di business che creano.

In effetti, nel loro libro, Bogle e Bernstein danno l’esempio della piccola impresa, che l’autore vede come l’antitesi della gigantesca corporazione. A causa della natura più stabile e diretta del business, gli imprenditori possono migliorare la produttività, creare nuove idee e aggiungere valore alla comunità attraverso il modello di business che creano.

Se ti stai chiedendo se dovresti essere preoccupato per le fluttuazioni del mercato, potrebbe essere una buona idea considerare il modo in cui i due autori lo vedono. Mentre possono solo discutere la propria analisi nel loro libro, non c’è dubbio che il loro ottimismo si basa su una solida analisi economica e commerciale.